Camera Arbitrale - Azienda speciale CCIAA Roma

La mediazione delegata

Home CCIAA
Logo Camera Arbitrale
Arbitra Camera - azienda speciale della CCIAA
Home » Approfondimenti » Articoli » La mediazione delegata

Primo Piano

Arbitra Camera - Azienda speciale della C.C.I.A.A. di Roma per l’Arbitrato ....
Si avvisa l'utenza che, a partire dal 01.01.2017, i versamenti a favore di Arbitra ....
Si comunica che dal 1° luglio p.v., la Camera Arbitrale di Roma cambia la propria ....
Si comunica che dal 3 marzo 2016 la Camera Arbitrale di Roma ha un nuovo numero telefonico: ....
La Camera Arbitrale Informa
Form di contatto
Vai al sito istituzionale CCIAA di Roma
La mediazione delegata

La mediazione delegata dal giudice è disciplinata dall’art. 5 comma 2 del decreto legislativo n. 28/2010 che dispone: “il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell'istruzione e il comportamento delle parti, può invitare le stesse a procedere alla mediazione. L'invito deve essere rivolto alle parti prima dell'udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non è prevista, prima della discussione della causa. Se le parti aderiscono all'invito, il giudice fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all'articolo 6 e, quando la mediazione non è già stata avviata, assegna contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione ...".

Con riferimento alle conseguenze della declaratoria di incostituzionalità dell’obbligatorietà della mediazione (di cui al momento è noto solo il comunicato stampa pubblicato sul sito della Corte Costituzionale in data 24.10.2012) si è già espressa la magistratura.

Una prima interessante pronuncia è quella del Tribunale di Varese del 9 novembre 2012 (est. Buffone) in cui viene precisato che la dichiarazione di incostituzionalità della mediazione obbligatoria non ha alcuna incidenza sulla mediazione delegata dal Giudice, e ciò per due motivi:

  1. perché allo stato si tratta di un comunicato stampa che non ha prodotto effetti nell’ordinamento giuridico;
  2. perché persiste nell’Ordinamento, anche dopo la pronuncia, la validità ed efficacia della mediazione delegata (su invito del giudice).

In base alle dette considerazioni, con l’ordinanza suddetta, il Tribunale ha fissato l’udienza allo scadere del termine dei quattro mesi, e ha invitato le parti a presentare l’istanza di mediazione entro quindici giorni.

Altri interessanti provvedimenti sono quelli del Tribunale di Roma – sez. di Ostia (est. Moriconi).

Il primo è del 15 novembre 2012 in cui il magistrato invita le parti alla mediazione della controversia motivando come segue: “in relazione agli atti, all’istruttoria fin qui espletata ed in particolare ai provvedimenti assunti dal Giudice, le parti ben potrebbero pervenire ad un accordo conciliativo, con il vantaggio di pervenire rapidamente ad una conclusione, per tutte le parti vantaggiosa, anche da punto di vista economico e fiscale (cfr. art. 17 e 20 del decr. legisl. 4.3.2010 n.28), della controversia in atto”.
Merita di essere segnalata quella parte della pronuncia in cui, in particolare, si legge “considerato in particolare ed in concreto che sono emersi molteplici elementi che ben potrebbero essere valutati dal mediatore al fine di giungere ad un accordo utile per entrambe le parti”, perchè sottolinea l’apporto che il mediatore potrebbe fornire alle parti per facilitarle nel raggiungimento di un accordo.

Il secondo provvedimento è del 26 novembre 2012: in questo provvedimento il magistrato invita le parti a tentare la mediazione specificando che “non essendo obbligatoria ha un senso solo se esperita bene e con lealtà, davanti ad un organismo serio ed efficiente, fornito di buona professionalità e mediatori competenti”.

 


 

- Inizio della pagina -

Copyright © 2009 Arbitra Camera / Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma
Iscritta al n. 44 del Registro degli Organismi di mediazione tenuto presso il Ministero della Giustizia
C.F./P.IVA 08790001005

Il progetto Camera Arbitrale - Azienda speciale CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it